Lavoro

Riforma del lavoro, politiche attive e welfare aziendalesono misure che toccano la vita delle persone che cercano un’occupazione, di quelle che la perdono, e di chi vuole migliorare la propria condizione lavorativa. Sono misure cruciali per la vita delle imprese, per la loro possibilità di resistere e crescere di fronte alle sfide della competitività globale, e di trarre opportunità di espansione. 

Il mercato del lavoro si riforma grazie ad un approccio basato sul rafforzamento delle competenze delle lavoratrici e dei lavoratori, sull’esistenza di luoghi di incontro di domanda  ed offerta e grazie al connubio tra sviluppo ed occupazione.
E’ per questo che i Centri di impiego, e la nuova Agenzia Nazionale per il lavoro, hanno l’obiettivo fondamentale di dare un’ossatura solida alle politiche attive per il lavoro, ad un sistema di orientamento che parta dal percorso scolastico delle ragazze e dei ragazzi.
Ora è necessario rimboccarsi le maniche e dare seguito al rafforzamento delle politiche attive del lavoro, di quelle volte a stimolare le competenze nonché di misure a sostegno del welfare familiare. In questo contesto è fondamentale il ruolo della contrattazione salariale di secondo livello che deve essere ulteriormente valorizzata con interventi più mirati in materia di welfare aziendale.
Sarà necessario inoltre investire nello sviluppo delle competenze per ridurre il mistmatch con il mercato del lavoro e promuovere la cultura del Piano Industria 4.0.
La delega lavoro ha chiuso il suo iter in Parlamento a settembre del 2015, data dell’approvazione delle Commissioni di tutti i decreti attuativi, e ad ottobre di quest’anno si sono definiti anche i correttivi del JobsAct.
I dati ISTAT relativi al 2016 ci dicono che nel confronto con il 2015 l’occupazione è cresciuta, sono diminuiti gli inattivi e sono aumentati i lavoratori dipendenti permanenti ossia quelli con contratto di lavoro a tempo determinato. Ovviamente non è sufficiente.
Sicuramente gli incentivi introdotti dal Governo hanno sollecitato la domanda di lavoro mentre le nuove forme contrattuali stanno progressivamente incontrando le esigenze delle imprese.
Parallelamente la nuova NASPI ha garantito a migliaia di lavoratori un sostegno al reddito più consistente e comunque per periodi più lunghi.
Ora la riforma del lavoro ed in particolare il decreto sulle politiche attive, deve prendere corpo e sostanza e produrre gli effetti duraturi sull’occupazione, potendosi esprimere in tutte le potenzialità che il legislatore ha inteso dargli con lo scopo di cambiare l’approccio al Lavoro nel nostro Paese.

Condividi
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
ACCESSO AL LAVORO

ACCESSO AL LAVORO

COSA DEVE SAPERE CHI CERCA LAVORO:
Sono diversi gli strumenti che il Jobs Act mette a disposizione per facilitare l'inserimento e il reinserimento lavorativo delle persone. Il contratto a tempo indeterminato come forma di assunzione privilegiata:
  • se sei disoccupato da almeno sei mesi il datore di lavoro che ti assume entro il 31 dicembre 2016, con contratto di lavoro a tempo indeterminato, ha diritto all’esonero dal versamento del 40% dei contributi previdenziali a suo carico, per 24 mesi, fino a un massimo di 3.250 euro all’anno.
La nuova Agenzia Nazionale per le Politiche Attive del Lavoro:
  • lo scopo è quello di favorire il reinserimento lavorativo potenziando e coordinando tramite l'ANPAL i servizi per l'impiego, migliorando così l'incontro tra domanda e offerta di lavoro
PERMANENZA AL LAVORO

PERMANENZA AL LAVORO

COME RAFFORZARE QUALITA’ DEL LAVORO, COMPETENZE E ORIENTAMENTO:
La vera sfida diventa conciliare produttività aziendale e qualità della vita, con i seguenti strumenti:
  • Una maggiore flessibilità dei congedi obbligatori e parentali, favorendo le opportunità di conciliazione dei tempi di vita e di lavoro, anche grazie all’implementazione di nuovi modelli organizzativi aziendali che consentano il coinvolgimento paritetico dei lavoratori e l’erogazione di beni, prestazioni e servizi di welfare aziendale;
  • Incentivazione di accordi collettivi intesi a facilitare la flessibilità dell’orario di lavoro e dell’impiego in ottica di aumento della produttività aziendale anche attraverso sistemi incentivanti (premi di produttività);
  • Una maggiore equità sociale tramite l'universalizzazione degli strumenti di sostegno al reddito per chi è disoccupato, estesi anche a lavoratori con contratti atipici (es. co.co.co.). L’equità nel trattamento dei lavoratori che abbiano perduto involontariamente la propria occupazione è garantita dalla Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l’Impiego (NASpI) che fornisce una  tutela di sostegno al reddito ai lavoratori con rapporto di lavoro subordinato. Per i soggetti più svantaggiati, è poi previsto l’Assegno di disoccupazione involontaria (ASDI) che potrà essere richiesto una volta conclusa la NASPI.
USCITA DAL LAVORO

USCITA DAL LAVORO

COME GARANTIRE IL RICAMBIO GENERAZIONALE NECESSARIO ALL'INGRESSO DI NUOVE FORZE E IDEE NEL MONDO DEL LAVORO:
Con la Legge di Stabilità 2016 si è prorogata di un anno la cosiddetta "opzione donna" che dà diritto al trattamento pensionistico alle lavoratrici che hanno maturato 57 anni e 3 mesi di età e 35 di contributi (58 anni e 3 mesi per le autonome) entro il 2015. In attuazione di un principio del Jobs Act, è inoltre previsto, che i dipendenti a cui mancano non più di 2 anni alla pensione si possono ridurre l'orario per oltre la metà e percepire in anticipo una parte della pensione fino a incassare quanto avrebbero preso continuando a lavorare a tempo pieno. Ulteriori e ancor più incisive misure ad hoc sono previste nei prossimi mesi nell'ambito di una revisione graduale delle politiche previdenziali.
maggio 26, 2017
Untitled design(11)

Welfare Book: spinte sociali ed economiche per una platea di beneficiari in aumento

Poletti e Parente discutono di premi di produttività Il welfare aziendale è candidato a rivestire un ruolo centrale per accrescere il benessere dei lavoratori e aumentare […]
maggio 25, 2017
iloveyouso(5)

Welfare eBook

Welfare aziendale e premi di risultato  Scarica l’eBook dedicato al welfare aziendale con un focus sui premi di produttività. All’interno i contributi di Annamaria Parente, Capogruppo […]
maggio 11, 2017
lavoro-autonomo

Più tutele a chi prima non ne aveva

Diventa legge il primo provvedimento dedicato alla tutela di tutti rapporti di lavoro autonomo di Annamaria Parente, Capogruppo Pd in Commissione Lavoro Senato Il testo contenente […]
maggio 8, 2017
caporalato 2

Legge sul “caporalato”

La nuova disciplina è una svolta “etica” nel diritto del lavoro? di Avv. Francesco Stolfa, avvocato giuslavorista, coordinatore Ufficio Legale ANCL-SU La legge 29 ottobre 2016, […]